Sto andando via perché il tempo è troppo bello. Odio Londra quando non piove.
Groucho Marx

Londra è famosa per la moltitudine di simboli che la rendono unica agli occhi di tutto il resto del mondo.
Le sue caratteristiche contribuiscono ad attirare milioni di turisti che si aspettano di trovare la città proprio come l’avevano immaginata e così è. Londra è ricca di particolarità e non intendo solo monumenti, ma anche usanze, tradizioni e luoghi comuni.

Cosa mi viene in mente quando penso a Londra? La piogga, il brunch, il the, la regina, il Big Ben, il Tower Bridge, la sterlina, gli scoiattoli, le cabine telefoniche, il London Eye, i parchi, il Tamigi, i black cabs, gli autobus rossi a due piani, l’underground, le coldstream guards, fish and chips, Piccadilly Circus, Harrods… Molte cose vero?

TOWER BRIDGE

Il Tower Bridge è una delle classiche viste da cartolina della città. Il ponte ottocentesco era stato costruito in modo da potersi aprire per far passare le grandi navi, oggi però è molto raro vederlo in movimento. Nel 2008 per dar maggiore visibilità al ponte alcune parti sono state colorate di azzurro.
Acquistando il biglietto è possibile attraversare il passaggio pedonale coperto da vetrate che collega le sommità delle due torri: la vista è davvero notevole.

BIG BEN

Oggi chiamiamo Big Ben l’intera torre, ma in origine era il soprannome solamente della campana. La torre dell’orologio fa parte del palazzo di Westminister, l’edificio in cui risiedono le due camere del Parlamento del Regno Unito. Attualmente il Big Ben è in ristrutturazione e a causa dei complessi lavori di manutenzione si prevede che fino al 2021 non si potranno sentire i suoi rintocchi.

LONDON EYE

Sulle sponde del Tamigi, sempre nella zona di Westminister, si staglia imponente la ruota panoramica più alta d’Europa: il London Eye. Realizzata per festeggiare il nuovo millennio e pensata come temporanea, oggi è uno degli elementi che più caratterizza lo skyline di Londra.
Il giro dura circa mezz’ora, ma una volta all’interno delle capsule il tempo volerà tanto rimarrete estasiati dal panorama. Il prezzo del biglietto è un po’ alto (intorno alle 25£), ma a mio parere sono soldi ben spesi inoltre consiglio e di salire poco prima del tramonto così da vedere il sole scomparire sulla città.

BLACK CABS

Londra è famosa per i suoi mezzi di trasporto, tra questi ci sono i black cabs ovvero i famosi taxi neri che oggi troviamo di qualsiasi colore. I cab si sono diffusi inizialmente perché erano comodi e robusti, ora sono una delle icone della capitale britannica e se ne vedono sfrecciare tantissimi in ogni angolo della città.

UNDERGROUND

La metro di Londra è la più estesa d’Europa nonché il mezzo più veloce per muoversi. Una rete di 11 linee permette di raggiungere qualsiasi angolo della città e i treni sono davvero molto frequenti (a circa 2 minuti di distanza l’uno dall’altro). Si stima che ogni treno della metropolitana percorra circa 123 600 km all’anno, pari a circa tre giri sulla circonferenza della Terra.
Il simbolo dell’Underground è diventato un vero e proprio marchio tanto è vero che nei negozi di souvenir vengono vendute calamite e cartoline a tema.

DOUBLE DECKER

Durante il mio ultimo viaggio a Londra ho cercato di spostarmi il più possibile con i bus rossi a due piani. Sì, la metro è più veloce ma sotto terra non si vede nulla!
Oggi tutti i bus sono elettrici e sono una rivisitazione del vecchio modello Routemaster, sul quale si può ancora fare un giro prendendo la route 15 che da Trafalgar Square porta a Blackwall Station. La maggior parte di questi antichi bus viene affittata per tour a pagamento o feste private.

COLDSTREAM GUARDS

I Coldstream Guards sono guardie a piedi appartenenti all’esercito militare britannico. Questo reggimento è il più antico ancora attivo e le guardie sono riconoscibili per la loro divisa rossa e il colbacco: un cappello alto quasi 46 cm adottato per far apparire i soldati più alti e intimidatori.
Li troverete sicuramente davanti a Buckingham Palace e all’interno della Tower of London a custordire i gioielli della corona.

RED TELEPHONE BOX

Chi non si è fatto fotografare vicino a una delle cabine telefoniche rosse sparse per Londra? L’aspetto di queste cabine dà subito all’occhio e non è affatto frutto del caso: la forma è stata ideata G.G. Scott che intorno al 1920 ha vinto il bando per la loro realizzazione. Purtroppo oggi la loro manutezione costa più di quanto si ricavi dalle telefonate effettuate e molte sono state rimosse. Le cabine sono soggette ad atti vandalici: i vetri delle porte vengono rotti e spesso sono usate come bidoni per l’immondizia.
Per fortuna qualche nostalgico e affezionato delle reb box ha deciso di dargli nuova vita affitandole per circa 500 euro al mese e trasformandole in mini negozi (caffetterie, librerie) o come punti per i defibrillatori.

LA PIOGGIA

Ho sempre associato Londra con la pioggia. Ogni volta, prima di partire, mi sento un pochino scoraggiata perché so che mi aspetterà qualche giornata di maltempo e soprattutto mi toccherà aprire l’ombrello.
In un mese si registrano in media una decina di giorni di pioggia, ma questo fenomeno è del tutto normale e facilmente spiegabile data la posizione geografica della città. Londra infatti si trova nel bel mezzo di tre fenomeni meteorologici (la Depressione d’Islanda, l’Anticiclone delle Azzorre e la Corrente del Golfo) in perenne contrasto tra loro che provocano instabilità.
Nonostante l’ansia pre partenza, a ottobre ho sempre beccato delle giornate strepitose: il cielo limpido e neanche troppo freddo. Sarà stata solo una botta di fortuna?

Ci sono altri simboli importanti? Fammi sapere quali con un commento qui sotto


Ti piacciono i miei articoli? Iscriviti alla newsletter per ricevere a fine mese il riassunto dei post pubblicati, codici sconto e tutte le novità!