Capitale sabauda dalla metà del XVI secolo, Torino fu per breve tempo la sede del Parlamento nazionale dopo l’Unità e fu il luogo di nascita dell’industria italiana. A partire da metà degli anni ’90 tutto è cambiato e la città-fabbrica in due decenni si è trasformata in una città d’arte di quelle che tutto il mondo invidia all’Italia. Con le sue grandi piazze, le sue vie ordinate e le antiche caffetterie, Torino sorprende tutti! Scopri subito l’itinerario di un giorno, perfetto per conoscere le principali attrazioni della città.

L’itinerario di un giorno

PARCO DEL VALENTINO

Il parco del Valentino è il polmone verde di Torino, sorge sulle rive del fiume Po dove si estende per 550 mila metri quadrati. Passeggiare per il parco è davvero piacevole, soprattutto durante i mesi autunnali quando gli alberi si colorano di giallo e arancione. Tra le attrazioni del Valentino si trovano il Castello del Valentino, il Borgo Medievale, la Fontana dei Dodici Mesi e il Giardino Roccioso: un delizioso giardino in cui sono disseminati numerosi giochi d’acqua, ruscelli, stradine, panchine, piante e aiuole con fiori che vengono allestite e cambiate nei vari periodi dell’anno. Proprio all’interno del Giardino Roccioso si trova uno dei punti più romantici di tutto il parco: la panchina dei lampioni innamorati

MONTE DEI CAPPUCCINI E LA GRAN MADRE

L’itinerario prosegue sulla sponda opposta del Po in direzione del Monte dei Cappuccini, un piccolo promontorio da cui si può godere di una meravigliosa vista sulla città e dove sorge la Chiesa Santa Maria al Monte. Se il tempo sarà dalla vostra parte da qui potrete vedere un panorama davvero suggestivo: Torino circondata dalle Alpi!
Scendendo dall’altra parte della collina si giunge alla Gran Madre, una chiesa dalla facciata molto simile ad un tempio. Secondo alcuni esoterici, la chiesa della Gran Madre è di fondamentale importanza in quanto proprio al suo interno sarebbe sepolto il Sacro Graal.

Panorama dal Monte dei Cappuccini

Panorama dal Monte dei Cappuccini

PONTE VITTORIO EMANUELE I – PIAZZA VITTORIO VENETO – VIA PO

Dalla chiesa della Gran Madre ci si muove in direzione del centro di Torino, per farlo bisogna attraversare nuovamente il Po passando per il Ponte Vittorio Emanuele I. Giunti dall’altra parte ci si trova nella piazza Vittorio Veneto, una delle piazze dotate di portici più grandi d’Europa e sede di numerosi caffè e locali.  In questa piazza potrete fotografare tantissimi tram, alcuni anche un po’ retrò! Proseguendo sempre dritti, si imbocca Via Po, una delle vie storiche di Torino.

MOLE ANTONELLIANA

Per raggiungere la Mole, da via Po bisogna svoltare in via Montebello dove il simbolo per eccellenza di Torino si staglia subito impontente. Prima di essere acquistata dal Comune per farne un monumento all’unità nazionale, la Mole Antonelliana fu concepita come Sinagoga. Progettata e iniziata dall’architetto Alessandro Antonelli nel 1863, venne conclusa solo nel 1889. All’epoca, con i suoi 167 metri e mezzo d’altezza, era l’edificio in muratura più alto d’Europa. Oggi ospita il Museo Nazionale del Cinema e grazie all’ascensore panoramico è possibile salire a 85 metri d’altezza e ammirare la straordinaria vista sulla città e sull’arco alpino che la circonda.

PIAZZA CASTELLO E IL DUOMO

Piazza Castello, raffinata ed elegante, è il vero cuore pulsante di Torino, qui sorgono alcuni degli edifici più rilevanti dell’intera città come Palazzo Madama e Palazzo Reale. La piazza è circondata su tre dei suoi quattro lati dai famosi e caratteristici portici ed collegata con le quattro grandi strade direttrici di Torino: Via Po, Via Pietro Micca, Via Roma e Via Garibaldi.

A pochi passi da Piazza Castello sorge Piazza San Giovanni Battista con l’omonimo Duomo, l’unico edificio rinascimentale della città. Al suo interno ospita la Sacra Sindone ovvero il lenzuolo di lino che avrebbe avvolto il corpo di Gesù Cristo nel sepolcro.

Palazzo Reale in Piazza Castello

Palazzo Reale in Piazza Castello

AL BICERIN E LE BOTTEGHE STORICHE

Camminando per le vie della città si incontrano numerose botteghe dal sapore antico, sono le botteghe storiche risalenti al 1800. Tra queste non può non essere citato il Caffè Al Bicerin. Presente a Torino dal 1763, è il locale in cui è stato inventanto il bicerin: una bevanda fatta con caffè, cioccolata e crema di latte. Il Caffè fu luogo di ritrovo di famosi personaggi ed intellettuali come Cavour, Nietzsche, Puccini, Eco e Calvino.

VIA ROMA E PIAZZA SAN CARLO

Le ultime tappe della giornata sono via Roma, la via dei grandi negozi, e Piazza San Carlo soprannominata “il salotto”. Compredere l’origine di questo nome è piuttosto facile, basta guardare la piazza: confronto alle altre è più raccolta e arrivando dalla stazione è la piazza che precede l’entrata nel centro di Torino. In mezzo a Piazza San Carlo è situata una statua equestre di Emanuele Filiberto, mentre, sul lato sud della piazza, si trovano le due chiese gemelle in stile barocco, quella di Santa Cristina costruita nel 1639 e quella di San Carlo del 1619.

Avendo solo una giornata a disposizione, il mio itinerario è stato perlopiù una tranquilla passeggiata alla scoperta delle più importanti attrazioni della città, ma se si ha più tempo a disposizione è possibile accedere ai Palazzi e ai musei di Torino – primo fra il Museo Egizio!

Potrebbe interessarti: Venezia: l’itinerario di due giorni


Ti piacciono i miei articoli? Iscriviti alla newsletter per ricevere a fine mese il riassunto dei post pubblicati, codici sconto e tutte le novità!